Prossima fermata: Europa

Quaderno d'appunti e pensieri

Who do I call if I want to call Europe? – Henry Kissinger

Kissinger zoom

Who do I call if I want to call Europe?

 Firma Henry Kissinger

“Chi devo chiamare se voglio chiamare l’Europa?”: pur appartenendo probabilmente alla categoria delle leggende metropolitane, visto che neanche lui è sicuro d’averla mai pronunciata, questa frase esprime sarcasticamente i dubbi di Kissinger (e certamente anche d’altri esponenti di potenze extra-europee) nei confronti del ruolo dell’Europa unita nel campo delle relazioni internazionali.

Ponendo questa domanda retorica, pronunciata o comunque emersa negli anni ’70, Henry Kissinger mostrava bene il dilemma del ruolo dell’Unione Europea come attore internazionale, dato che non era possibile capire chi fosse il diretto interlocutore da contattare. Mancava una “voce unica europea”, cosa peraltro logica visto che non esisteva una politica estera che potesse definirsi propriamente comune. A seconda dei casi e delle materie, l’interlocutore sarebbe potuto essere il Primo ministro o il Ministro degli affari esteri dello Stato membro che esercitava la presidenza semestrale del Consiglio, il presidente della Commissione o un Commissario.

Col passare degli anni, la situazione è evoluta: per rispondere alla telefonata di Kissinger oggi abbiamo un Alto Rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ruolo attualmente ricoperto dalla Baronessa Catherine Ashton e prima da Javier Solana. Tuttavia, è probabile che l’Alto Rappresentante non abbia granché da dirgli perché una vera politica estera e di sicurezza esiste nei trattati ma non in pratica: prova potrebbero essere i recenti casi siriano e maliano, in cui si fatica a vedere quale sia la linea politica comune. L’impressione è che si sia creata una bella scatola vuota.

Baronessa Asthon, Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell'Unione europea

Baronessa Asthon, Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell’Unione europea

L’elemento positivo è che l’esistenza di un Alto Rappresentante permette d’avere maggiore stabilità, visto che il mandato è di 5 anni e l’interlocutore non cambia ogni sei mesi, cioè quando la presidenza del Consiglio dell’Unione ruota e il testimone passa da uno Stato membro a un altro.

Sembrerebbe quindi che, nonostante tutto, il numero della Ashton sia quello da contattare. In realtà, le cose non sono così semplici. L’Alto Rappresentante ha competenze per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ma non su altri dossier di rilievo internazionale. Per questioni relative al commercio internazionale, meglio sarebbe contattare il Commissario responsabile, idem per quanto riguarda le questioni relative all’allargamento dell’Unione o la cooperazione internazionale, un po’ come accade anche nei governi nazionali, ad essere sinceri. Ovviamente il Presidente della Commissione e il Presidente del Consiglio europeo svolgono anche loro attività di relazioni internazionali, e non solo protocollari, e soprattutto il secondo potrebbe in alcuni casi trovarsi in situazioni di conflitto di competenze con l’Alto Rappresentante. Giusto per complicare le cose un po’ di più: l’Alto Rappresentante è al tempo stesso membro di due istituzioni, Commissione e Consiglio, per la precisione è uno dei Vice-Presidenti della prima e presidente delle riunioni del Consiglio dei ministri per gli Affari Esteri nell’altra. Tutto chiaro, no?

Insomma, la risposta alla domanda di Kissinger sarebbe: “beh, dipende…” Fossi in lui, oggi riformulerei la domanda: who do I call if I REALLY want to call Europe, to find out if they happen to have something to say?

Annunci

Lascia qui i tuoi commenti e opinioni sul post

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28 aprile 2013 da in ipse dixit con tag .

Disclaimer

Il contenuto di questo blog rappresenta il punto di vista e le opinioni dell’autore, che non sono in alcun modo imputabili a terzi.

Twitter timeline

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: